,

Al concerto rock con il padre sordo: la canzone nella lingua dei segni è tutta per lui

Familydea Blog

 

Karri Carberry, 19 anni, è andata a sentire il concerto della band rock Three Days Grace a Edmonton, in Canada, per la prima volta insieme al padre.

Quando la band ha suonato la canzone ‘Just like you’, la ragazza ha cantato la canzone con la lingua dei segni americana al padre, non udente.

 Un’altra ragazza ha ripreso l’emozionante scena e ha postato il video su Facebook, dove è stato visto più di 17 milioni di volte.

E anche la band ha commentato: “Questa è la cosa più cool e dolce sulla rete oggi!”

Fonte: La Repubblica

Online il nuovo sito per aderire al Network Coopsalute

di Coopsalute

Su www.coopsalute.org trovi tutte le informazioni per aderire al Network e diventare Partner della nostra organizzazione

,

Addio a Jo Garceau, la “mamma” delle Pigotte Unicef

Familydea Blog
pigotta

Jo Garceau è stata l’ ideatrice della famosissima Pigotta, la bambola di pezza di Unicef.
Nata nel 1938 in America da padre francese e madre pellerossa della tribù dei Cherokee, Joanna Adelina Garçeau era arrivata in Italia, a Roma, grazie a una borsa di studio.

Prima cantante poi attrice, lasciò tutto per sposarsi con un avvocato e andare a vivere a Cinisello.

Volontaria Unicef, nel 1988 ebbe l’idea della Pigotta, che diventò la bambola ufficiale dell’Unicef nel ’99. Jo si impegnò senza risparmiarsi per incontrare scuole, circoli culturali per spiegare il suo progetto e come dovevano essere fatte le bambole, uguali per dimensioni ma ognuno poteva farle come voleva.

Fonte: La Repubblica
,

L’emozionante storia di Bill Conner, 57enne del Wisconsin

Familydea Blog

Un papà che ha percorso più di 2.000 km per incontrare l’uomo che ha il cuore di sua figlia Abbey, morta a 20 anni, in seguito ad un incidente.

Per lui, lo scorso 18 giugno, giorno della Festa del papà negli Stati Uniti, non è stata una giornata come tutte le altre.
Era stata proprio Abbey, qualche anno prima, a registrarsi volontariamente come donatrice di organi.
Così quando ne è stata decretata la morte in un ospedale di Fort Lauderdale, in Florida, quattro organi e altri tessuti del suo corpo sono stati utilizzati per salvare le vite di diverse persone.
Tra loro Loumonth Jack Jr, a cui erano stati dati massimo 10 giorni di vita dopo un terribile attacco di cuore.
Il padre di Abbey aveva inviato quattro lettere alle persone che avevano ricevuto gli organi della giovane, chiedendo se qualcuno fosse interessato a conoscere, appunto, il padre della loro salvatrice.
L’unico a rispondere è stato proprio Jack Jr che è ancora vivo grazie ad Abbey.
Quando Bill è arrivato a Baton Rouge, dopo il lungo viaggio in bicicletta, organizzato anche per sensibilizzare le persone alla donazione degli organi, ha potuto abbracciare il ragazzo che ha ricevuto dalla figlia dell’uomo il dono più grande: il cuore.
Il ragazzo gli ha porto uno stetoscopio per fargli sentire il suo stesso battito cardiaco, in un momento di profonda commozione per entrambi, come dimostrano le immagini.
Oltre 2.200 chilometri in bicicletta per sentire il cuore della figlia battere nel petto di un’altra persona.

,

Tutti i vantaggi di mettere i figli a letto presto (intorno alle 20)

Familydea Blog

 

Cena, eventualmente cartoni animati, lavaggio dei denti, un libro e nanna. Il rituale quotidiano serale di chi ha figli piccoli ha un copione (giustamente) rigido, che lascia poco spazio alla fantasia. Ma sull’orario di messa a letto dei bambini c’è grande varietà: trovi la mamma che si lamenta del fatto che il figlio/a non dorme prima di mezzanotte e quella che allo scoccare delle 20 può dedicarsi ad altro perché la prole dorme beatamente. Chi ha ragione? Premesso che ogni bambino è fatto a modo suo (e dunque anche la quantità di sonno necessaria può essere diversa), uno studio americano, del Penn State College of Medicine, pubblicato sulla rivista Jama Pediatrics, sottolinea i benefici dell’andare a letto presto fin da piccoli.

dal blog di Lara Cuppini